Festività ebraiche

KIPPUR

 

Introduzione

Levitico 16, 29-31
E questa sara' per voi una legge eterna : il settimo mese, il decimo giorno del mese, mortificherete le vostre anime e non farete alcun lavoro, sia l’indigeno, sia lo straniero che vive tra voi. Perche' in questo giorno si fara' propiziazione su di voi per purificarvi ; sarete puri di tutti i vostri peccati davanti all’eterno. Sara' per voi uno Shabbat, uno Shabbat solenne, nel quale dovrete motrtificare le vostre anime: legge perpetua.

Levitico 23, 27028 e 31-32
Il decimo giorno del settimo mese, che e' il giorno dell’espiazione, ci sara' per voi una santa convoicazione: mortificherete le vostre anime, offrirete un sacrificio all’eterno e non farete alcun lavoro in questo giorno, perche' e' un giorno di espiazione, destinato a riabilitarvi davanti all’eterno vostro D-o.

Numeri 29,7
E il decimo giorno di questo settimo mese, ci sara' per voi una santa convocazione: mortificherete le vostre anime ; vi asterrete da ogni lavoro.

 

 

 

Yom Kippur, il giorno del perdono o giorno dell’espiazione, e' celebrato il decimo giorno del mese di Tishri (Levitico 23,27). È il momento culminante dei dieci giorni di penitenza. È l’unica festa la cui santita' equivale a quella dello Shabbat e che, come lo Shabbat, e' chiamata nella Torah Shabbat Shabbaton (Shabbat degli Shabbat – Esodo 31:15, 35:2, Levitico 23:3, 16:31, 23:32). Tale festa invita alla riflessione, all’introspezione. La giornata e' interamente consacrata all’autovalutazione, all’autocritica, alla confessione e all’espiazione.

Yom Kippur ci offre la possibilita' di modificare la nostra linea di condotta, di rivalutare i nostri ideali e di rettificare il nostro comportamento nella vita. Questo giorno deve essere affrontato con la massima onesta', soprattutto quando ci confessiamo dicendo: abbiamo peccato, abbiamo trasgredito i comandamenti e abbiamo agito con perversione. Questa formula recitata da re Salomone, abbiamo peccato, abbiamo agito male, siamo colpevoli (1 re 8 :47) fa parte del Vidduy la preghiera di confessione di Yom Kippur.

La solennita' della liturgia e dei canti aumenta la gravita' di questa giornata. Dal kol Nidre' (vigilia di Kippur) fino al suono del Shoffar che segna la fine dell’ultimo uffizio (Neilah), queste ore portano alla riconciliazione con noi stessi, con gli altri e con D-o.

La prima delle Mitzvot della gioranata e' il digiuno. La Torah ripete tre volte: questa sara' una legge eterna: il settimo mese, il decimo giorno del mese, mortificherete le vostre anime (Levitico 16,29 ; 23,27 ; Numeri 29,70. La tradizione interpreta mortificazione con digiuno. Grazie a questa pratica del digiuno ci separiamo dal mondo, ci liberiamo dalle sue richieste e dai suoi incitamenti per trovarci di fronte a noi stessi, alla realta' della nostra esistenza, di fronte ai nostri fallimenti come ai nostri successi, e di fronte a D-o. Questo isolamento permette di ritrovarci e di ripensare a cosa dovrebbe essere la nostra vita, le nostre relazioni con il mondo, con il nostro prossimo e con D-o. Questa giornata di astinenza ci permette di Initem et nafshotekhem (rispondere alla nostra anima) e di ritrovare la forza per volgerci verso l’avvenire (questa traduzione di Initem et nafshotekhem considera il verbo Initem come derivante dalla radice Ayn nun he nel suo senso principale di rispondere e non in quello di rendere umile).

L’ebraismo pone l’accento sull’autodisciplina. Quando ci asteniamo dal cibo il giorno di Kippur, prendiamo coscienza del fatto che negli altri giorni possiamo ugualmente dominare i nostri desideri.

L’ebraismo insiste sull’attenzione alla presenza dell’altro. Quando digiuniamo in questo giorno di Kippur, dobbiamo ricordarci dei milioni di persone che soffrono la fame e dei tanti giorni nei quali loro manca il cibo.

L’ebraismo insiste sulla penitenza. La confessione che enunciamo con le nostre labbra non e' che un primo passo. Il digiuno che segna il nostro corpo deve farci prendere coscienza che abbiamo agita male verso noi stessi e verso gli altri.

Yom Kippur e' un giorno in cui ci volgiamo verso il passato perche' il futuro sia migliore per noi, sia individualmente che collettivamente. Ma la solennita' di Yom Kippur non diminuisce la gioia profonda che caratterizza questo giorno quando la vera penitenza ci fa sentire piu' vicini a D-o, al nostro prossimo e a noi stessi, e ci porta alla riconciliazione. Al suono del Shoffar, che conclude l’uffizio di Neilah, coloro che hanno vissuto questo giorno nella sincerita' e nel raccoglimento sperano di essere iscritti e fissati nel libro della vita.

 

 

Yom Kippur                precetti

 1 Osservare Yom Kippur
Osservare Yom Kippur il decimo giorno del settimo mese (quello di Tishri) e' una Mitzvah. Come e' scritto nella Torah: il decimo giorno del settimo mese sara' per voi il giorno del perdono. Sara' per voi un momento sacro... Perche' e' il giorno del perdono e sara' fatta espiazione per voi in questo giorno davanti all’eterno vostro D-o (Levitico 23,27-28).

 2 Teshuvah/pentimento
Pentirsi il giorno di Kippur e' una Mitzvah.

Al momento in cui il periodo di autocritica, di riconciliazione e di riflessione che e' iniziato a Rosh Hashanah arriva al suo culmine, le preghiere di confessione mettono in evidenza colpe e carenze che ci allontanano da noi stessi, dagli altri e da D-o. È dopo questa presa di coscienza che Yom Kippur porta il perdono (Yoma 8:8). Attraverso la teshuvah (pentimento) torniamo verso D-o acquisiamo la sensazione che D-o torna verso di noi. Il concetto del riavvicinamento nato dal doppio movimento, quello dell’uomo verso D-o e quello di D-o verso l’uomo, e' tratto dal profeta Malachia: tornate verso di me io tornero' verso di voi, dice l’eterno Sebaot (3:7).

 3 La riconciliazione
É una Mitzvah, prima di Yom Kippur, cercare la riconciliazione con ogni persona nei cui confronti abbiamo agito male, sia che si tratti di membri della famiglia che di altre persone (cfr. O2).

Durante i dieci giorni di penitenza, la persona che ha commesso un atto negativo nei confronti di qualcuno, deve prendere contatto con questo qualcuno per riparare la colpa e per riconciliarsi con lui. La cena prima del kol nidre' diventa cosi' il momento giusto per cercare la riconciliazione con i propri parenti e gli amici riuniti attorno al tavolo.

Non bisogna entrare in questo giorno sacro di riconciliazione con D-o senza aver fatto ogni sforzo per riconciliarci con gli altri.

 4 Tzedakah/ atto di aiuto reciproco
É una Mitzvah compiere la Tzedakah che, come la Tefillah e la Teshuvah, fanno parte del rituale legato a Yom Kippur.

L’usanza di compiere la Tzedakah prima di Yom Kippur e' chiamata Kapparah (espiazione), perche' questo geste serve implicitamente di espiazione per le colpe che abbiamo commesso. La Kapparah si basa sull’antico rito del capro espiatorio (Levitico 16:5-22). Si e' estesa la pratica di acquistare una gallina per una donna o una ragazza e un gallo per un uomo o un ragazzo, di farli girare sopra il capo dell’interessato pronunciando la seguente formula: ecco il mio sostituto, la mia offerta e la mia espiazione. Questo/a gallo/ina sara' messo/a a morte e io beneficiero' di una lunga e piacevole vita. Poi l’animale viene ucciso e donato ai poveri. Molti rabbini si sono opposti a questa usanza ancora praticata da alcuni.

Oggi si invita ognuno a fare un dono in favore degli indigenti. Anche se l’antica pratica non e' piu' in vigore, esiste una evidente relazione tra Tzedakah ed espiazione. Venire in aiuto a chi e' meno favorito e' un gesto che puo' permetterci di prendere meglio coscienza delle nostre manchevolezze nei confronti degli altri.

Per questo, prima che inizi Yom Kippur, si devono compiere atti di Tzedakah per coprire i bisogni spirituali o materiali, personali o comunitari.

 5 Il pasto della vigilia di Yom Kippur
Diversamente dagli altri giorni di festa, il pasto che precede Yom Kippur non ha un rituale particolare. Si inizia con il Motzi e si conclude con il Birkat hamazon. Questo pasto e' chiamato Seudat mafseket (pasto di conclusione [prima del digiuno]) perche' conclude il tempo che precede Yom Kippur.

Aggiungere un tempo supplementare per la celebrazione di una festa non fa che aggiungere santita' a questa giornata (B. Yoma 81a). Per questo prima del Kol Nidre e' usanza concludere la cena un’ora prima dell’inizio del digiuno, che dura 25 ore.

Poiche' Yom Kippur e' un giorno di digiuno e che il vino non vi puo' essere consumato, e che la cena si fa prima dell’inizio del giorno del perdono, in occasione del Seudat Mafseket non viene detto il Kiddush.

 6 Accendere le candele di Yom Kippur
Accendere i lumi di Yom Kippur e recitare le benedizioni appropriate e' una Mitzvah.

L’accensione avviene dopo la cena prima di andare in sinagoga (c.a., Orah Hayim 610:1-3).

Contrariamente allo Shabbat e agli altri giorni di festa, le candele vengono accese dopo il pasto, perche' l’accensione segna l’inizio formale di Yom Kippur e quindi l’inizio del digiuno. Per questo, in alcune comunita', l’uffizio di kol nidre e' preceduto dalla accensione dei lumi di Kippur. Prima dell’accensione delle candele della festa, e' d’uso accendere un lume in ricordo dei defunti. Per onorare la memoria di tutti puo' essere usata una sola candela.

 7 Benedizione dei bambini
É una Mitzvah per i genitori benedire i loro figli prima di andare in sinagoga (cfr. Siddur sefat haneshamah pag. 203).

 8 Digiunare
Digiunare il giorno di Kippur e' una Mitzvah.

La Mishanah (Yoma 8:1) interpreta voi mortificherete le vostre anime (Levitico 23:27) come astenersi da ogni cibo (e ogni bevanda), da ogni relazione sessuale, non lavarsi, non profumarsi, ne' portare scarpe confortevoli (all’epoca questo comprendeva le scarpe in cuoio). Il digiuno esige l’autodisciplina ed e' uno sforzo intrapreso per controllarsi per concentrarsi sull’aspetto spirituale della propria esistenza. Negando simbolicamente i bisogni vitali essenziali che l’uomo ha in comune con gli animali, ci concentriamo sugli aspetti della natura umana che ci avvicinano a D-o, nostro creatore.

I bambini che non hanno l’eta' del Bar/Bat Mitzvah sono incoraggiati a digiunare per qualche ora e, ogni anno, ad aumentare le ore di digiuno fino al bar/bat Mitzvah. Allora viene loro chiesto di digiunare per tutto Yom Kippur (M. Yoma 8:4 e B. Yoma 82a). Gli ammalati e le donne incinte devono chiedere il parere del medico e possono essere dispensati dal digiuno. La Mishnah (Yoma 8:5-6) e il Talmud (ibid. 82a...) Danno esempi di persone che sono autorizzate a rompere il digiuno o che non devono digiunare. Il principio fondamentale e' che in caso di pericolo la proibizione e' tolta. Questo si applica prima di tutto allo Shabbat ed e' stato esteso a Yom Kippur, chiamato Shabbat Shabbaton (Shabbat degli Shabbat – B. Yoma84b). Questo principio si applica alle altre feste e a ogni Mitzvah negativa (cioe' a ogni divieto).

 9 L’uffizio comunitario
É una Mitzvah riunirsi alla comunita' assistendo all’uffizio di Kol Nidre, la sera di Yom Kippur, e agli altri uffizi della girnata di Yom Kippur fino al suono del Shoffar alla fine di Neilah. Per tutti questi uffizi e' usanza portare il Talit.

Come membri del popolo di Israele, abbiamo una responsabilita' individuale e collettiva. Partecipare agli uffizi e' uno dei nostri doveri di fronte alla comunita'. Ma la nostra responsabilita' va oltre la partecipazione agli uffizi di Yom Kippur. Yom Kippur ci coinvolge nel cerchio comunitario, riaffermando i legami con gli altri e con i valori storici e religiosi che ci stanno a cuore. Se la malattia impedisce a qualcuno di assistere agli uffizi comunitari, le preghiere di Yom Kippur possono essere recitate a casa.

 10 Uffizio di commemorazione: Yzkor
Recitare l’Yzkor (preghiera di commemorazione) a Kippur e' una Mitzvah.

Yzkor e' il nome della preghiera durante la quale si ricordano i defunti. Tale preghiera fu introdotta nelle sinagoghe aschenazite ai tempi delle crociate quando delle comunita' intere furono decimate. Le comunita' sopravvissute perpetuarono cosi' il ricordo di coloro che non avevano piu' discendenti per poterlo fare. Oggi, dopo la shoah, questa preghiera assume un significato in piu'. Viene recitata a Yom Kippur, l’ultimo giorno di Pessah, a Shavuot e a Shemini Atseret.

Tutti possono assistere all’Yzkor, anche se uno dei genitori e' vivo, dato che l’uffizio di commemorazione e' anche un ricordo dei martiri del nostro popolo.

 11 Non lavorare
Non lavorare a Yom Kippur e' una Mitzvah. Come e' detto nella Torah: non farete alcun lavoro in questo giorno... Sara' uno Shabbat di riposo completo per voi (Levitico 23, 28 e 32).

Le restrizioni che si applicano allo Shabbat si applicano anche a Yom Kippur.

 12 La Havdalah
Alla fine di Yom Kippur, e' una Mitzvah recitare la Havdalah, preghiera che segna la separazione tra il momento sacro (Yom Kippur) e gli altri giorni dell’anno.

 13 Cominciare a costruire la Succah
Dalla fine di Yom Kippur si inizia simbolicamente la costruzione della Succah piazzando un montante o piantando un chiodo. L’uso di piantare il primo chiodo della Succah alla fine di Kippur deriva dal seguente principio: se una Mitzvah ti si presenta, compila senza ritardi (Mehilta Pischa 9). Il Shulkhan Arukh applica questo principio alla costruzione della Succah (Orah Hayim 24:1). Concludiamo cosi' i dieci giorni del pentimento e ci prepariamo a compiere la Mitzvah della costruzione della Succah.

 14 Rompere il digiuno
Il pasto che segue Yom Kippur deve essere un pasto particolarmente gioioso. Si prova un senso di liberazione che viene da questa giornata di introspezione, di preghiera, di speranza e di fiducia nel perdono divino. Il Midrash (Koelet Rabbah 9:7) applica a Yom Kippur il versetto dell’ecclesiaste: va, mangia il tuo pane allegramente e bevi il tuo vino con cuore gioioso, perche' D-o ha preso piacere delle tue opere (9:7). È richiesto di accogliere in casa chi e' solo perche' possa rompere il digiuno in famiglia.

 

 

Web site  created  by effepi . Tutti i diritti sono riservati. Questo NON e' un sito creative commons , e NON ha alcun finalità di lucro e non e' agganciato ad alcuna forma commerciale di vendita di beni o di servizi di alcun genere, ovvero  di intermediazioni per la vendita di beni o servizi, o  di vendita o di spazi pubblicitari  , ivi compresa quella assimilabile, come la donazione , pertanto ogni autorizzazione o deroga alla riproduzione deve essere preventivamente richiesta. In modo particolarmente specifico, da parte di siti che hanno finalità di lucro od ad esse riconducibili anche attraverso gli sponsor ,la pubblicità e le donazioni.

NOTE LEGALI: Questo sito è conforme alla nuova legge sull'editoria (L. n. 62 del 7 marzo 2001) in quanto non è una testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità del materiale ,essendo  ANCHE una raccolta di articoli riprodotti da altre fonti, link e da altri siti e/o ricevuto da volontarie libere e gratuite collaborazioni (ed in oltre non ha scopo di lucro , e nessuna altra assimilabile forma commerciale Il suo STATUS  è regolato nella barra avvisi .E' vietata, con qualsiasi mezzo, la riproduzione delle rubriche senza il nostro consenso scritto (VEDERE NOTE LEGALI) ulteriori note legali sono state trasferite in old menu